Self Made – La vita di Madame C. J. Walker

“L’idea mi venne in sogno. I capelli sono bellezza… i capelli sono emozione… i capelli sono il nostro retaggio… I capelli ci dicono chi siamo, dove siamo stati e dove andiamo. Mi chiamo Sarah Breedlove, e creare prodotti per capelli è la mia passione. Non è stato facile ma, nonostante tutto, non ho mai rinunciato a lottare.”

Indipendenza, fierezza, tenacia, coraggio… i tratti del carattere di Sarah Breedlove, meglio nota come Madam C. J. Walker, sono interpretati da Octavia Spencer, che ci racconta la sua storia, incredibile ed emozionante, nella miniserie Netflix “Self Made – La vita di Madame C. J. Walker”.

Era un mondo diverso da quello di oggi, siamo a cavallo tra fine ’800 e primi del ’900. Era un’America in cui essere di colore, donna e di estrazione più che umile creava barriere quasi sempre insuperabili. Eppure qui si racconta una storia incredibilmente diversa, eppure vera. La storia di una donna che ha saputo, con ostinazione e orgoglio, dare vita ad una parabola epica per i suoi tempi. La prima donna, perdipiù afroamericana, capace di accumulare una fortuna milionaria partendo da zero.

La miniserie si compone di 4 puntate, per la Regia di Kasi Lemmons e DeMane Davis. Octavia Spencer recita il ruolo di Sarah, affiancata da Kevin Carroll, Carmen Ejogo, Tiffany Haddish, Garrett Morris e molti altri. 

La storia è in parte romanzata e limita un po’ la messa in scena di alcune delle caratteristiche fondamentali del personaggio (la sua incessante filantropia, ad esempio), però è comunque un’ottima occasione per conoscere un personaggio poco noto dalle nostre parti ma comunque fautore di una vicenda potente e rivoluzionaria. Una vicenda avvenuta in un’epoca che non c’è più ma ancora attuale, visto il perdurare, tutt’oggi, di stereotipi razzisti e pregiudizi di ogni genere.

Se volete approfondire la storia della “vera” Madam C. J. Walker, vi rimando a >>un altro articolo<< su questo stesso sito.

Qualcuno disse che la vita è ciò che ci accade mentre siamo impegnati a programmare altre cose. È un po’ vero, e infatti è fondamentale cercare di essere un po’ più padroni del nostro tempo, dedicandoci alle nostre passioni e a quello che ci fa stare bene. Un viaggio, una gita, una mostra, un’attività sportiva su misura per noi, un buon libro o un buon film. Certo, l’occhio di riguardo e sempre rivolto al mantenersi in salute (soprattutto parlando di attività  e alimentazione) ma siccome “ogni tanto si può fare”, ecco che qui parleremo anche di degustazioni  di vini o birre, sagre, ristoranti e tutto quel sale della vita che, senza esagerare, e fondamentale per stare realmente bene con noi stessi.

ULTIMI ARTICOLI